Musei della tortura in giro per l’Italia

Ho pensato ad Halloween e alle tante cose che si possono fare con i bambini e mi sono ritrovata una sfilza di proposte “zuccaiole” che francamente non m’interessano. Meglio è armarsi di bagagli e partire alla scoperta di posti insoliti, misteriosi e sinistri. 

E allora potrei usare questi pochi giorni che ci separano dalla festa per scovare dei posti naturali e grotteschi. Non grotte, in quelle ci siamo già stati. Mi è subito venuto in mente il Parco dei mostri ma poi ho voluto alzare il tiro e ho deciso si guardare ai musei della Tortura disponibili nel nostro Paese. Mi ricordavo che in una gita scolastica visitammo quello di San Gimignano. In effetti ho scoperto che la Toscana è piena di musei di questo tipo: a San Gimignano, Siena, Lucca, Volterra e Montepulciano. Si tratta di un viaggio verso il lato peggiore dell’uomo per cui va valutata bene l’età dei ragazzi cui volete proporre il museo in questione. Qui le informazioni logistiche.

torture-chamber-122795_1280

Quando vidi il museo da giovane, mi feci perfino la foto intrappolata nella ghigliottina perché con quelle cose, con il dolore e con la morte, noi ci giocavamo sentendoli aspetti lontani dell’esistenza. E probabilmente è così anche per i miei figli. Eppure la sensibilità si dipana in modi inaspettati. Oggi, dopo aver provato i dolori del parto, non so se riuscirei ad essere serena come una volta nel vedere strumenti che provocano dolori patologici.

Ho scoperto che esiste anche un museo della tortura a San Marino ma è altrettanto interessante recarsi a Milano per visitare il Museo della Pusterla di Sant’Ambrogio che oltre alle armi antiche espone anche una serie di strumenti di tortura usati dal Medioevo fino alla fine dell’Ottocento. Da nord a sud non si può fare a meno di citare il Museo delle torture di Napoli dedicato esplicitamente agli strumenti di tortura rivolti agli eretici. Molto interessante anche la scelta di alcune città di caratterizzare il luogo dell’esposizione: parliamo ad esempio del Museo della Pena e della Tortura, situato all’interno del Castello di Brolo o del Museo Sotterraneo della Tortura nel Castello di Mazzé a Torino.

Ok Ok, non ne potete più di starvene chiusi in questa Penisola e ambite ad un viaggio di pochi giorni che vi faccia sfruttare a pieno il ponte di Ognissanti. Allora, sempre sullo stesso tema, ovvero la presenza in città di musei dedicati alla tortura, i consigli di viaggio sono questi:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...